Ngô Sĩ Quý

Ngo Si Quy nacque nel 1922, da una ricca famiglia di Hanoi in Dong Kinh Nghia Thuc Street. Suo nonno era medico.
Fin da piccolo era appassionato di musica ed arti marziali.
Imparò il violino da un prete delle chiesa locale.

Alla fine del 1939 in occasione di un concerto organizzato dalla chiesa per l'associazione di etnia cinese, il sacerdote lo presentò a Cam Thuc Cuong figlio di una ricca famiglia cinese.

Questi desiderava imparare a suonare il violino e Ngo Si Quy accettò. Ne nacque una bella amicizia.

Yuen Chai Wan lavorava come guardia del corpo presso la famiglia di Cam Thuc Cuong, fu così che lo conobbe e divenne suo allievo per circa tre anni.
Ngo Si Quy e Tam Cuong Tuc si allenavano insieme per lunghi periodi.
Cam Thuc Cuong era considerato il primo allievo di Yuen Chai Wan.
Ricordava di quel periodo "la mia tecnica era quasi pari alla sua, ma il suo potere interno superava il mio ..."
Nel 1945 Quy si unì ai Viet Minh per combattere l'esercito coloniale francese; terminata la guerra andò a lavorare a Ninh Binh, nella provincia di Nam Dinh.

All'inizio del 1950, lui e un gruppo di giovani cadetti furono inviati al centro educativo Que Lam, in Cina. Lavorava come insegnante di musica e durante le vacanze scolastiche lui con dei suoi studenti furono invitati a visitare alcuni centri culturali e marziali come Vu Han, Nam Kinh, Thuong Hai. Qui assistette ad un congresso dove erano stati invitati parecchi maestri di arti marziali cinesi; il tema era quello di proporre un mezzo per mantenere lo sviluppo delle arti marziali in un contesto culturale, e di rinvigorire la salute della popolazione contribuendo così ad una migliore costruzione del Paese. Gli stili presentati erano tutti interni, incluso il Wing Chun come più attinenti agli scopi preposti. Accidentalmente scoprì che lo stile di kung fu appreso da Yuen Chai Wan era il Wing Chun.
Nel 1955 Quy ritornò al suo Paese. Egli programmò meglio il suo lavoro, al fine di disporre più tempo per studiare il wing chun. Capì di non essere stato il solo allievo vietnamita di Yuen Chai Wan e iniziò quindi a cercare le tracce lasciate nel nord del paese.
Andando in cerca di informazioni, scopri che Tran Thuc Tien stava portando avanti gli insegnamenti del suo maestro in una palestra.
Quy si inscrisse nella classe in cui insegnava.
Tien vedendolo schivo lo incoraggiò:
"Sei esile, la tua corporatura è adatta per questo stile”,
Lo invitò quindi a provare assieme a lui e dopo pochi scambi gli chiese:
"Hai praticato kung fu prima d'ora?"
“No” gli risposte Quy .
"Strano, perché la tua tecnica, assomiglia a quella del mio Maestro".
“Chi era lui?”chiese Quy
"Nguyen Te Cong" (Yuen Chai Wan). Rispose Tien
Si riconobbero reciprocamente, Tien gli restituì la retta e disse: "Siamo fratelli, non posso insegnarti".
Dopo lungo tempo di ricerca, nel 1968 Quy recuperò il sistema di combattimento dei 108 movimenti e le forme con il loro significato.
Solo dopo aver completato le sue conoscenze, iniziò ad accettare il primo gruppo di studenti.

Un altro aneddoto racconta che, mentre insegnava musica nel centro educativo di Que Lam, vi era uno studente insolente nella sua classe poichè bravo nella lotta a terra. Quando un giorno Quy gli rimproverò il suo cattivo comportamento, questi reagì con una sfida "Se lotterai con me e vincerai allora io ti ascolterò”, Quy accetò la sfida. Dopo lo scambio di poche tecniche, lo studente abbassò la sua posizione, pose una mano come scudo per proteggersi da eventuali attacchi dall’alto e l’altra tenuta bassa come un’arma per attaccare le gambe. Master Quy giudicata la situazione, rapidamente saltò sul braccio che faceva da scudo, come un serpente colpì, si avvinghiò e spinse l’avversario impedendogli qualsiasi movimento. Di fronte a questo metodo, lo studente accettò la sconfitta.

Ngô Sĩ Quý morì nel Cau-Giay, Hanoi, nel 1997 all'età di 76 anni, è stato considerato a capo del ramo Wing Chun ad Hanoi.